9/4/2012

MORBO DI ALZHEIMER

Per "demenza" si intende un declino progressivo delle facoltà mentali che in un più o meno lungo intervallo di tempo causa gravi handicapp all'individuo e circa il 70% delle demenze progressive dell'adulto sono causate dalla malattia di Alzheimer. I pazienti con la malattia di Alzheimer giungono negli stadi avanzati della patologia a non poter più svolgere nessuna attività autonoma, vivendo uno stato di assoluta dipendenza dai familiari o dal personale sanitario. Sembrerebbe che la malattia di Alzheimer insorga perchè l'elaborazione di alcune proteine cerebrali a livello cellulare avvenga in modo alterato, portando all'accumulo di una proteina tossica nelle cellule e negli spazi intercellulari. A livello cerebrale si rileva una progressiva atrofia della corteccia cerebrale per perdita di neuroni, nell'ippocampo e nelle corteccia implicata nei processi cognitivi e nella memoria. Si è visto che i neuroni che vengono persi durante il progredire della malattia sono in gran parte di tipo colinergico (utilizzano acetilcolina come neurotrasmettitore). Esistono forme familiari di malattia di Alzheimer, dovute a mutazioni cromosomiche, in cui l'esordio può essere particolarmente precoce.

Sintomi

La malattia si manifesta inizialmente con amnesie (perdite di memoria), di cui si rendono conto più i familiari che il paziente stesso. Con il tempo altre funzioni neurologiche progressivamente vengono perse, compare difficoltà nel riconoscimento di oggetti usuali (aprassia) con impossibilità di utilizzo adeguato degli oggetti stessi, alterazione dell'umore, alterazione della capacità di giudizio.

Diagnosi

Non esiste un test che dia la certezza di malattia di Alzheimer, la diagnosi viene fatta per probabilità escludendo altre cause di demenza. Si basa su: 1) accertamento dello stato di demenza con test psicometrici specifici, 2) presenza di grave deficit di memoria, 3) osservazione che il deficit di memoria e la demenza non sono insorti rapidamente o acutamente ma durante un periodo di anni. Bisogna escludere, per la diagnosi di malattia di Alzheimer, che i sintomi siano insorti associati a deficit motori o sensitivi o a vertigini e segni di compromissione dell'equilibrio. In seguito vengono effettuati accertamenti strumentali (Tac, Rmn) che evidenzieranno l'atrofia della corteccia cerebrale.

Terapia

I farmaci attualmente in uso (tacrina, donepazil) inibiscono l'enzima che metabolizza l'acetilcolina e pertanto rendono il neurotrasmettitore più disponibile a livello cerebrale. Rendono più lenta la progressione della malattia, ma quando i neuroni colinergici degenerano del tutto, l'azione dei farmaci si perde.

CACAO PER NON INVECCHIARE

Cacao per non invecchiareUn argine all’Alzheimer

Il cacao può contrastare l'invecchiamento del nostro cervello. Questa è forse l'ultima proprietà nascosta dei semi della pianta sudamericana. Il cacao (Theobroma cacao) oltre ad essere un potente antiossidanti, ad avere un alto valore [...]

ALZHEIMER, BAPINEUZUMAB NON FUNZIONA

Fallimento della molecola in sperimentazione

È fallimentare il risultato della sperimentazione di fase III su bapineuzumab, molecola che avrebbe dovuto combattere l'Alzheimer, perlomeno nelle sue forme meno gravi. Ad annunciare lo stop alla sperimentazione sono state la Pfizer e la Johnson & Johnson, le due case farmaceutiche che [...]

I NEURONI “CHIEDONO AIUTO” AGLI ESTROGENI PER SOPRAVVIVERE

Studio dimostra il ruolo degli estrogeni nelle malattie neurodegenerative

Gli estrogeni, ormoni sessuali steroidei conosciuti soprattutto per il loro ruolo nella regolazione dello sviluppo e delle funzioni del sistema riproduttivo, influenzano anche l’attività dei neuroni, svolgendo perciò un ruolo significativo nell’insorgenza e nel decorso[...]

MUTAZIONE GENETICA PROTEGGE DALL'ALZHEIMER

Mutazione genetica protegge dall'AlzheimerPossibile una diagnosi precoce di Alzheimer grazie alla Pet

Un team di ricercatori islandesi ha individuato una mutazione genetica che aiuta a proteggere il cervello dalla formazione delle placche di beta-amiloide, la sostanza che accumulandosi causa l'insorgenza del morbo di [...]

LA NANOSCOPIA PER L'ALZHEIMER

La nanoscopia per l'AlzheimerSi cerca una diagnosi precoce della patologia

È appena partito un progetto di ricerca che sperimenterà un nanoscopio per esaminare le cellule dei pazienti, facilitando così la diagnosi precoce del morbo di Alzheimer. 
Il progetto LANIR ("Label free nanoscopy using infra red")[...]

GRAZIE AL PESCE MENO RISCHI DI ALZHEIMER

Grazie al pesce meno rischi di AlzheimerIl consumo di omega 3 fondamentale per prevenire la patologia

Il pesce ci aiuta a vivere meglio. Lo dice un'ulteriore ricerca pubblicata su Neurology da un team del Columbia University Medical Center di New York. Lo studio ha analizzato 1200 persone con più di 65 anni affette da [...]

abortion and pregnancy pregnancy stages free abortion clinics in atlanta
why do i want to cheat on my wife megaedd.com i want my wife to cheat on me
how abortions are performed do abortion abortion clinics in dc
ldn for dogs naloxone implant does vivitrol stop withdrawals
naltrexone generic name house.raupes.net naltrexone cocaine
‹‹ Torna indietro