11/13/2015

La ginnastica mentale contro il declino cognitivo

E' possibile prevenire il deficit cognitivo tipico dell'invecchiamento? E se sì, come?
A rispondere ci hanno pensato i ricercatori dell'Istituto di Psichiatria, psicologia e neuroscienze del King's College di Londra che, grazie ad uno studio su migliaia di over 60, sono 
riusciti a dimostrare l'importanza della ginnastica mentale allo scopo di prevenire i tipici disturbi legati alle facoltà cognitive che spesso affliggono gli individui appartenenti a quella 
fascia di età.
I soggetti osservati sono stati monitorati prima e dopo l'esecuzione di test online che consistevano in esercizi di ragionamento e di "problem solving": ciò che è risultato è che i 
soggetti, a seguito di sei mesi di allenamento, hannno riportato un miglioramento del 15% delle capacità di eseguire compiti della vita quotidiana, del 30% nelle facoltà di 
ragionamento e del 19% nelle abilità di apprendimento verbale. 
L'esercizio mentale a cui sono stati sottoposti gli over 60 ha portato quindi ad un notevole miglioramento delle capacità mnemoniche , di risoluzione dei problemi e di 
apprendimento, così come ha portato ad un incremento delle prestazioni nei compiti della vita di tutti i giorni, quali cucinare, gestire le proprie finanze ecc. 
Lo studio, pur avendo dato risultati importanti, non è ancora terminato, e già gli esperti sono di nuovo al lavoro per testare come la genetica possa influire sulle prestazioni, così da 
ottimizzare l'utilizzo del brain training e riuscire a ridurre il rischio di declino cognitivo e demenza. 
naltroxen what is an ldn low dose naltrexone ankylosing spondylitis
naltrexone revia open naltrexone addiction
naltrexone alcohol cravings ldn naltrexone naltrexone low dose depression
ldn for dogs blog.aids2014.org does vivitrol stop withdrawals
naltrexone drug class click injection to stop drinking alcohol
naltrexone for sale monthly injection for opiate addiction opiate blocker naltrexone
‹‹ Torna indietro