7/24/2016

GLI ANTIBIOTICI RALLENTANO LA PROGRESSIONE DELL'ALZHEIMER

Si apre una nuova strada per la ricerca, una conferma del profondo legame tra il microbiota intestinale e il nostro cervello. In particolare, si è osservato che, nelle cavie da laboratorio, un trattamento con antibiotici ad ampio spettro determina una riduzione dell'accumulo di beta-amiloide, proteina neurotossica e maggiore causa dei sintomi patologici dell'Alzheimer.
La scoperta è avvenuta al Medical Center dell'Università di Chicago ed è stata pubblicata sulla rivista Scientific Reports del gruppo Nature. 
Il collegamento risiede fondamentalmente nella modulazione della risposta immunitaria dalla flora batterica e, anche se non sono ancora del tutto chiari i meccanismi, i risultati osservati bastano per affermare che la somministrazione di alte dosi di antibiotici nelle cavie animali porta una mutazione del microbiota (i batteri che popolano l'intestino) e di conseguenza una minor attivazione delle microglia nel cervello: in questo modo, si ricava un decremento nell'accumulo di placche amiloidi di quasi il doppio rispetto ai casi comuni. Il sistema immunitario, dunque, è fortemente influenzato dalla microglia gastro-intestinale, e tale consapevolezza può essere anche decisiva per rallentare la progressione della malattia di Alzheimer.
Tuttavia, i ricercatori mettono le mani avanti: massicce somministrazioni di antibiotici agli esseri umani non è la soluzione da adottare, ma è chiaro che si tratta di un punto di partenza su cui è possibile lavorare ampiamente. 
Staremo a vedere i prossimi sviluppi! 
difference between naltrexone and naloxone open heroin detox
what is vivitrol used for ldn treatment vivitrol and drinking
heroin detox naltrexone 50 mg half life can you drink alcohol while on naltrexone
naltrexone drug class blog.griblivet.dk injection to stop drinking alcohol
naltrexone generic name house.raupes.net naltrexone cocaine
‹‹ Torna indietro