3/9/2017

Alzheimer, una nuova speranza per la diagnosi precoce

Uno degli aspetti più drammatici del morbo di Alzheimer è l'impossibilità di una diagnosi precoce che permetta di agire tempestivamente con una terapia. Quando i sintomi si manifestano, infatti, è già troppo tardi per tentare di arginare il declino cognitivo, e gran parte della malattia ha già fatto il suo corso. 
Negli ultimi anni, la ricerca si è concentrata principalmente su un efficace sistema di diagnosi precoce, e un team di ricercatori italiani sembra aver raggiunto un nuovo, importantissimo traguardo. 
Si tratta di una nuova tecnica che permette di identificare "l'impronta digitale" di proteine e biomarcatori, anche quando sono presenti in minime tracce, grazie all'attivazione laser di nanocristalli d'argento. L'irraggiamento laser accende i nanocristalli, producendo un intenso campo elettrico che amplifica esponenzialmente il segnale delle molecole aderenti alla superficie dei nanocristalli stessi; il segnale così rivelato fornisce informazioni su composizione e struttura della biomolecola. 
La ricerca è stata messa a punto da ricercatori dell'Istituto di fisica applicata (Ifac-Cnr), in collaborazione con l'Istituto di microelettronica e microsistemi (Imm-Cnr) e con il Dipartimento di chimica e scienze geologiche dell'Università di Modena e Reggio Emilia.
Questa metodica può essere a tutti gli effetti sfruttata per sviluppare test diagnostici, permettendo di riconoscere precocemente i biomarcatori di patologie neurodegenerative, quali il Parkinson e l'Alzheimer. 
Tuttavia, come afferma Roberto Pini, direttore dell'Ifac-Cnr "La strada è ancora lunga. Sarà infatti necessaria un'accurata fase di test preliminari per classificare la complessità dell'impronta ottica dei vari biomarcatori, prima che questa tecnica risulti affidabile per l'uso clinico".
ldn for dogs naltrexone chronic fatigue syndrome does vivitrol stop withdrawals
‹‹ Torna indietro